domenica 6 novembre 2022

Various Artists - Progressive Rock made in USA anni '70 - Vol. 10


 Il progressivo rock made in USA influenzato in parte dagli UK, ed arricchito da elementi prettamente nazionali, ci consegna una varietà di stili unica, brani eseguiti con grande sapienza e professionalità, in sala discografica ci arrivavano soltanto musicisti preparati e le opere da pubblicare dovevano essere sempre molto valide e mai banali. I gruppi di questa compilation N.10 vi daranno certamente un'idea di ciò che intendo, oltre, che per molti di voi, sono certo, rappresenteranno una graditissima sorpresa.

TRACK LIST:

01) Polyphony - Crimson Dagger 07:18

02) However - Beese 04:19

03) Osmosis - Thoughts Often Stray 02:54

04) Kansas - The Spider 02:05

05) Cathedral - The Crossing 06:11

06) Dream - Mr. Barman 06:11

07) Happy The Man - Ibby It Is 07:51

08) Marianus - Human Race, Human Race 07:07

09) Bounty - Fireflight 10:24

10) Edgewood - Burden Of Lies 03:54

11) Leviathan - Angela 06:42

Link: https://turb.pw/advbuswsfqxr.html

Per un ascolto immediato:

                                                            Polyphony - Crimson Dagger

                                                                    However - Beese


                                                          Osmosis - Thoughts Often Stray

                                                                    Kansas - The Spider


                                                               Cathedral - The Crossing

                                                                   Dream - The Barman

                                                              Happy The Man - Ibby It Is

                                          Marianus - Human Race, Human Race (full album)

                                                 Bounty - Fireflight (no video su youtube)

                                                             Edgewood - Burden of Lies

                                                                   Leviathan - Angela

sabato 5 novembre 2022

Artisti Vari - Le Compilation di genesismarillion - Vol. 25

In questo numero proponiamo quasi esclusivamente un prog soft e cantautoriale,fatta eccezione per i "Trans Europe Express" dei quali postiamo un brano tratto dal loro album colonna sonora del film "Il Gatto dagli Occhi di Giada" e per i 20 minuti del brano di "Franco Falsini". Questa compilation è il volume 25 dedicato al progressive italiano degli anni '70 sempre più vario, complesso e ricco di contaminazioni. TRACK LIST: 01) Francesco Cabiati - Mirage 03:52 02) Juri Camisasca - Un Galantuomo 04:37 03) Genco Puro & Co - Campane a Rotterdam 02:45 04) Antonello Salis - Festa Mancata 04:16 05) Planetarium - The Moon 04:03 06) Ash - The Desert of the Clear 06:01 07) Mass Media - Nemesi 0 (03:45) 08) Maurizio Colonna - West 35th street 02:59 09) Pangea - Naufragio 02:43 10) Sandeman - Ice Rocks 03:11 11) Trans Europa Express - Seq. 1 (03:51) 12) Franco Falsini - Parte 3° (20:06) Link: https://m.turbobit.net/y6qhbudg8l2e/Artisti Vari - Le Compilation di genesismarillion - Vol. 25.rar.html (Al solito, per un primo ascolto immediato, qui sotto trovate i brani degli amici di youtube.)
Francesco Cabiati - Mirage
Juri Camisasca - Un Galantuomo
Genco Puro & Co - Campane a Rotterdam
Antonello Salis - Festa Mancata
Planetarium - The Moon
Ash - Ash (full album)
Mass Media - Nemesi 0
Maurizio Colonna - West 35th Street
Pangea - Naufragio
Sandeman - Ice Rocks
Trans Europa Express - Seq. 1
Franco Falsini (full album)

lunedì 31 ottobre 2022

Franco Mussida (Ex PFM) - Il Pianeta Della Musica e il viaggio di Iòtu 2022 (Italian Symphonic Prog)


 Franco Mussida torna con un nuovo album, un nuovo sound e un nuovo stile musicale! Il musicista, compositore, insegnante, filosofo e ricercatore Franco Mussida, conosciuto e stimato nel panorama musicale per i suoi testi e il suono unico della sua chitarra, per la prima volta, in questo nuovo disco ascoltiamo un suono mai sentito prima nelle sue opere: il suono di una chitarra classica chiamata Baritona, pensata per unire il soul-blues alla musica pop e classica, che si apre ai linguaggi e all'espressività. L'album è stato anticipato da "Io noi la musica", brano acustico che riflette sulla generazione tra gli anni '60 e '70. Una generazione che ha vissuto un'età d'oro e ha goduto di musica e spiritualità per sè, senza pensare alle generazioni future. Il brano "Io noi la musica; è diviso in due parti: nella prima, un discorso descrive come la generazione passata può usare il tempo per aprirsi all'arte e alla musica: la seconda parte è una lunga frase musicale che fa da colonna sonora a una farfalla in volo, simbolo di bellezza. La parte musicale ha un ritmo irregolare ispirato a "Watermelon in Ester Hay" di Franck Zappa. Il videoclip (qui sotto), prodotto da CPM Music Factory, filmato dalla studio cinematografico Milkit, mette in evidenza il testo e il valore delle parole, poi ricoperto dall'immagine di un soldato con mirino oscurato da una farfalla con ali colorate. L'immagine è tratta da un dipinto di "La fortaleza de la fragilidad" (La forza della fragilità) di Paco Minuesa, un quadro forte scelto da Mussida per raccontare come lo spirito della bellezza e della musica ha ali che non si possono spezzare. Come il volo di una farfalla, destinata ad avere un futuro, per darci la giusta direzione da seguire.

Album da acquistare assolutamente; qui: https://btf.it

                                                       Franco Mussida - Io noi la musica


Tracks list:

01) IO' TU e il Piano Planetario

02) L'Oro del Suono

03) Il Mondo in una Nota

04) Afromedindian Blues

05) Democrazia Solidale

06) Ti Lascio Detto

07) Io Noi la Musica

08) E' Tutto Vero

09) Il Sogno e la Strada

10) Ninì

11) Incanto e Amicizia

12) Il Lavoro della Bellezza

13) Alberi

14) "Stupore" (solo in vinile)

L'oro del suono
Oltre il buio (live)

domenica 23 ottobre 2022

Artisti Vari - Le Compilation di genesismarillion - Vol 24


 


Pronta la compilation n. 24 del progressive italiano anni '70. In questo numero esploriamo le diverse anime che animavano il movimento. Dal prog cantautorale di Claudio Rocchi e Gianni D'Errico a quello impegnato di Enzo Capuano, Roberto Colombo e dei Mark Fry. Dal' allegro folk elettronico degli Arpaderba al proto prog degli Showmen 2 e del Paradiso a Basso Prezzo. Dalla fresca ballata dei Mandillo al proto psychedelic dei The Psycheground Group al folk classico e melodico degli Astrolabio, per finire con gli Eneide e il loro symphonic prog.
Di seguito un'anticipazione dei brani presi in prestito da you tube.
qui il link della compilation: https://turb.pw/crknj7j3cler.html

Track list:

01) Claudio Rocchi - Il Miele delle Api (07:01)
02) Arpaderba - Danza (04:00)
03) Astrolabio - Spirit Folet (05:23)
04) The Psycheground Group - Traffic (06:00)
05) Paradiso a Basso Prezzo - Spleen LXXVII (07:41)
06) Mandillo - Il Commerciante di Lima (04:23)
07) Eneide - Cantico alle Stelle + Il Male (06:13)
08) Enzo Capuano - Volo nella Notte (05:29)
09) Gianni D'Errico - Reincarnazione (04:03)
10) Mark Fry - Down Narrow Streets (02:56)
11) Showmen 2 - Epitaffio (09:54)
12) Roberto Colombo - Fine del Trentatre (01:20) 


                                                                    Claudio Rocchi


                                                                          Arpaderba
                                                                              Astrolabio

                                                                 The Psychegruond Group

                                                                Paradiso a Basso Prezzo

                                                                            Mandillo

                                                           Eneide - Cantico alle stelle

                                                                      Eneide - Il Male

                                                                         Enzo Capuano

                                                                      Gianni D'Errico

                                                                            Mark Fry

                                                                           Showmen 2

                                                                      Roberto Colombo

sabato 22 ottobre 2022

Various Artists - Progressive Rock made in USA '70 - Vol. 9


 

Arrivati alla pubblicazione della compilation N° 9 del progressive rock made USA.

Gli Ixt Adux sembrano sfatare uno dei capisaldi del progressive, ovvero la necessità di un tastierista e le sue tastiere a tessere continue trame strumentali. Gli Ixt Adux non le usano affatto e l'assenza non si sente per niente, anzi, la mancanza, amplifica il pregevole lavoro delle chitarre. Incantevole il brano dei Guns&Butter con una costante presenza dei violini a ricamare musica di stampo canterburiano. Con i Mr Euhporia ci abbandoniamo all'ascolto di una sorta di Jazz Prog ipnotico. Veramente incantevole il brano dei Jasper Wrath con il flauto in primo piano che ci ricorda da vicino i nostri "Celeste di Ciro Perrino" e un cantato softfolk sognante. Con gli Ethos, il salto di qualità di questa compilation, con un sound ispirato agli Yes/Gentle Giant ma con riferimenti più che personali. Con i  North Star, possiamo gustarci un pò di Prog Sinfonico di stampo genesisiano. Entusiasmante il Prog Classico dei Flock con un onnipresente violino e degli Universe con un heavy Prog molto sostenuto e melodico. Crafty Hands, Sound alla Yes con una voce 'clone' alla Jon Anderson. La compilation si chiude con il brano dei Masque Premiere, con Moog in primo piano a disegnare tappeti sonori e brillanti assoli di chitarra. 

Buon Ascolto.


Track lists

01) Ixt Adux - 35.000 (05:23)

02) Guns & Butter - Time Has Wings (03:01)

03) Mr. Euphoria - 1 Day, 1 Month, 1 Year (05:20)

04) Jasper Wrath - It's Up To You (03:49)

05) Ethos - The Spirit of  Music (03:54)

06) North Star - Tomorrow Never Comes (09:10)

07) Flock - Metamorphosis (05:33)

08) Universe - Touchdown (10:09)

09) Crafty Hands - You is Good (03:40)

10) Masque Premiere - Another Abandoned Dream (09:28)

   Ixt Adux


Guns&Butter


Mr Euphoria


Jasper Wrath


Ethos


North Star

                                                                            The Flock


                                                                             Universe


Crafty Hands


Masque Premiere

https://masquepremiere.bandcamp.com/track/another-abandoned-dream

link - https://turb.pw/g3bv5be6o29o.html


venerdì 21 ottobre 2022

RanestRane - Apocalypse Now 2022 (Italian Progressive Rock)


 Il gruppo romano reduce dai precedenti successi dei precedenti album, che lo hanno portato in Tour praticamente in tutto il mondo, ha approfittato della chiusura pandemica per progettare il nuovo lavoro.

Questa volta il film da vedere in concerto e da ascoltare sul cd è Apocalypse Now!!! Il film del 1979 diretto da Francis Ford Coppola e liberamente ispirato al romanzo di Joseph Conrad, Cuore di tenebra, fa da sottofondo ad una serie di brani eccelsi, pieni di phatos musicale come da sempre ci hanno abituato il gruppo italiano.

Cantato in italiano e, anche questa volta, come per il precedente "The Wall", a due voci (Daniele Pomo e Riccardo Romano) fa in modo che la loro musica sia al servizio del film, della narrativa e dell'atmosfera che vogliono ricreare. Così Apocalypse Now finisce per essere il disco di Massimo Pomo, il chitarrista. Nei lavori precedenti la sua similitudine con David Gilmour emergeva splendidamente negli assoli, ma per il resto la guida era Riccardo Romano alle tastiere. Su Apocalypse Now è lui che guida il gruppo ed incide sulla musica.

Uno splendido album per tutti i patiti dei Pink Floyd ma anche per quelli che voglono ritrovare il gusto per musica nuova con la veste un pò vintage...

Track Lists:

1) Saigon (07:03)

2) Cuore di Tenebra Pt 1 (03:58)

3) Dossier (01:56)

4) Napalm (20:12)

a. arc light

b. kilgore pt 1

c. apache

d. kilgore pt 2

5) Playmate (06:21) 

6) The Eden Cries (10:37)

a. the eden cries pt 1

b. the eden cries pt 2

7) Cuore di Tenebra Pt 2 (04:33)

8) The Horror (16:21)

a. kurtz

b. metodi malsani

c. falso idolo pt 1

d. like some grandmother

e. solo la verità

f. sacrifice

9) Un Nuovo Dio (06:52)

a. falso idolo pt 2

b. cuore di tenebra pt 3

Line up

Massimo Pomo - electric, acoustic & classical guitars 

Riccardo Romano - keyboard, backing vocals

Maurizio Meo - bass, electric double bass

Daniele Pomo - drums, percussion, lead vocals

Ma.Ra.Cash Records

                                                                              Napalm


                                                                       The Eden Cries


Discografia:


                                                             Nosferatu il Vampiro 2007

                                                                        Shining 2011

                                                A Space Odyssey part one Monolith 2013

                                                    A Space Odyssey part two H.A.L. 2015

                                                 A Space Odyssey final part Starchild 2018

                                                                      The Wall 2020

domenica 9 ottobre 2022

Alias - The Second Sun 2020 (Italian Progressive Rock)


 Oggi mi ritrovo tra le mani un album di una particolare bellezza. Trattasi di un ensemble tutta napoletana. Musicisti provenienti da realtà importanti come la famosa "Orchestra multietnica del mediterraneo" e la nuova formazione di "Napoli Centrale", gli Alias pubblicano il loro strepitoso esordio discografico con un lavoro di rara bellezza: "The Second Sun". Un album concept dedicato allo scienziato serbo Nikola Tesla autore di alcune teorie sulla produzione e l'uso di energie alternative al tempo non apprezzate e sottovalutate.

L'album apre con "Red Six" 4 minuti in cui si capisce già il calibro e la professionalità dei musicisti coinvolti. Una ritmica travolgente ad opera di un superlativo Ezio Felaco ala basso e di un pitotecnico Fredy Malfi alla batteria (attuale membro dei Napoli Centrale di James Senese), inetta all'ascoltatore una irresistibile incapacità a rimanere immobili senza battere in qualche modo il ritmo, mentre una azzeccatissima linea vocale non cantata ci riporta indietro negli anni '70 quando gli "Arti & Mestieri e il Baricentro" creavano i loro capolavori: Ma è dalla seconda traccia "Pitch Black" che la band sfodera l'asso dalla manica. Un semplice "giro" da Rock'n'Roll viene assolutamente stravolto,arrangiato,rielaborato e trasformato in un brano di 8 minuti in cui le competenze, l'esperienza e il mostruoso talento della pianista, tastierista e vocalist Romilda Bocchetti prende il sopravvento e guida la band nella costruzione di una piccola gemma di prog jazz rock!!! L'album prosegue con una track list di assoluta pregiata caratura. "Mediterraneo Prog" è un fantastico esempio di come possano coesistere Etnico, Prog e Jazz. Malinconica ed allegra allo stesso tempo con ragionati cambi di ritmo che costruiscono una musica che fa sognare e riflettere. "Around the Universe" con il suo semplice giro di basso all'apertura e con il suo ritmo allegro,  fa come da intermezzo ai brani che seguiranno. Ma è in "Danza dei due Mondi" dove lo strepitoso Giovanni Guarrera esce allo scoperto, con la sua indiscutibile maestria alla chitarra acustica, infarcendo il brano con venature mediterranee, ardite ed originali: Una peculiarità che contraddistingue gli Alias è la loro capacità di utilizzare dei semplici giri armonici per trasformarli in qualcosa di incredibilmente accattivante, nuovo,originale e prezioso. All'interno dell'album si trova del flamenco, ritmi africani, samba, tarantelle ecc... il tutto sapientemente miscelato e dosato con perizia e arguzia. Un piccolo accenno volevo dedicarlo alla bellissima "The Second Sun" un fulgido esempio come si può trasformare un piccolo e breve accenno ad un brano famosissimo (non dirò quale) senza farlo quasi riconoscere e rendendolo incredibilmente altrettanto affascinante! Chiude "Samsara" (termine Buddista che spiega il ciclo della reincarnazione) che forse meglio descrive e rappresenta in 4 minuti quanta perizia e quanta capacità possiede la band nelle cui anime confluiscono e coesistono musica classica, musica etnica, Jazz e Rock sapientemente amalgamate e in cui viene prodotta una musica particolarmente rigogliosa ed appassionante.

Sabella Accursio

Track list:

1) Red Six 04:01

2) Pitch Black 08:07

3) Mediterraneo Prog 06:55

4) Around the Universe 07:15

5) Danza dei due Mondi 05:28

6) The Second Sun 08:23

7) Samsara 04:31

Line-up

 Romilda Bocchetti: Vocals, Piano, Keyboards, Darbuka

Giovanni Guarrera: Classical Guitar, Backing Vocals

Ezio Felaco: Bass

Fredy Malfi: Drums

Maz Fuschetto: Oboe (Ospite)





Alias - Pitch Black

Alias - The Second Sun
Alias - Mediterraneo Prog


lunedì 12 settembre 2022

Artisti Vari - Le Compilation di Genesismarillion - Vol. 23





 Siamo finalmente arrivati alla pubblicazione del 23° volume della compilation dedicata al progressive rock italiano degli anni '70.

Il progressive si spinge sempre oltre il rock, tingendosi di sfumature classiche o altrimenti di jazz, senza tralasciare l'elettronica e la sperimentazione fine a se stessa. Tutto ciò contribuisce a trasformare ed arricchire un genere musicale sempre in continua evoluzione.

I gruppi qui proposti rappresentano tutto ciò

Track list:

                                                        1) Antares - The Leaving 05:26


2) Baciamibartali - New Choice 03:36


3) Pepe Maina - Spring Song 04:55 (full album)



4) Buccheri Francesco - Solitude 02:36 (full album)


5) Persimfans - Quinta Armonia 03:08 



6) Francesco Zappa - N° 4 1st Movement Minuetto 02:10



7) Gialma 3 - Pavane 06:50


                                                   8) Moby Dick - What Time Is It 05:55



9) Napoli Centrale - Vicolo Primo Parise N° 8 (07:38)




10) Sangi - Ricordi 02:54


11) Rocky's Fjli - E 03:50


12) Maurizio Fabrizio - Nascita dei Nuovi Satelliti, Sputnik Suite, Danza delle Stelle 09:37

Full Album





Link: https://turbobit.net/9fuxy5pvytxn.html

domenica 11 settembre 2022

Banco Del Mutuo Soccorso - Orlando: Le Forme dell'Amore 2022 (Italian Progressive Rock)


Nuovo album in uscita per una delle band più longeve del progressive rock italiano.

Vittorio Nocenzi ha lavorato al concetto musicale di questo nuovo album per anni insieme a suo figlio Michelangelo e al paroliere Paolo Lugli. Raccontare un vero poema del XIV secolo attraverso canzoni diverse possibilmente descrivere i fatti e gli ideali era una montagna da scalare.

Il risultato dell'immenso lavoro in studio è pienamente rappresentato in un album epico che stabilirà nuovi parametri per i fan del rock progressivo. indubbiamente Banco è sempre stato fortemente legato alle proprie radici, ma "Orlando: Le Forme dell'Amore" è una prova definitiva di come il prog rock tradizionale possa evolversi in una nuova miscela moderna di suono e spirito.

La scelta di cantare le tracce di questo album solo in italiano (come anche è stato per Transiberiana) conferma la volontà della band di rimanere fedele a ciò che hanno fatto fin dall'inizio. Al fine di aiutare i fan a capire e seguire meglio i testi traccia per traccia, le traduzioni in inglese dei testi saranno inclusi nell'artwork, insieme ai testi originali italiani.

Inoltre , la band ospita una spiegazione dettagliata dell'intero concetto e della narrazione dell'album sul loro sito web.

Per la copertina del nuovo album Banco stanno usando l'iconico "Salvadanaio", che è diventato il logo e il marchio della band. "Orlando:Le Forme dell'Amore" uscira il 23 settembre 2022 tramite InsideOutMusic: Seguirà un intenso tour dal vivo con concerti in Italia, nel resto d'Europa e in tutto il mondo nel 2023.

Track list:

01) Proemio 02:13

02) La Pianura Rossa 06:38

03) Serve Orlando Adesso 04:52

04) Non Spaventa Più l'Amore 05:01

05) Non Serve Tremare 04:06

06) Le Anime Deserte del Mondo 05:01

07) L'Isola Felice 03:57

08) La Maldicenza 06:17

09) Cadere o Volare 05:09

10) Il Paladino 02:52

11) L'Amore Accade 03:42

12) Non Credere alla Luna 06:56

13) Moon Suite 11:49

14) Come è Successo Che Sei Qui 03:38

15) Cosa Vuol Dire Per Sempre 06:48 

 

La Pianura Rossa



Cadere o Volare

giovedì 28 aprile 2022

Odessa - L'Alba della Civiltà (Italian Symphonic Prog) 2022


 Un grande ritorno per la prog band italiana Odessa, atteso da tredici anni dal precedente "The Final Day - Il Giorno Del Giudizio", a ventitrè anni dall'acclamato "Stazione Getzemani". "L'alba della civiltà" mette in gioco tutte le migliori qualità già espresse dalla band marchigiana: straordinaria versatilità nelle sue dinamiche hard-progressive di matrice italian seventies, incursioni a tinte "purple", disgressioni jazz, tratti romantici, ma soprattutto notevole brillantezza espressiva, ritmica e melodica. Non a caso fra le cover già proposte dagli Odessa ci sono Area,Il Rovescio Della Medaglia, I Trip, e stavolta, a sorpresa, arriva "L'anno, il poste, l'ora 1972", brano dei Pooh del periodo sinfonico "Parsifal", con la particolarità dell'andare a proporre la versione mai finita ufficialmente nella loro discografia /esiste solo un vecchio documento live). A capitanare a band c'è sempre Lorenzo Giovagnoli, il suo talento ed energia nel coniugare intensa vocalità e destrezza tastieristica (Hammond in gran spolvero), coadiuvato da più di vent'anni dagli eccellenti Giulio Vampa (chitarra), Valerio De Angelis ( Basso), Marco Fabbri (Batteria, qualcuno lo ricorderà anche con The Watch e con la band di Giorgio Fico Piazza) e col pregevole ritorno di Gianluca Milanese (flauto, già negli Area Palea ed altre pregevoli collaborazioni) che arricchisce il sound in modo decisivo, così com'era stato in "Stazione Getzemani". Otto brani, di cui due strumentali (tra cui "L'organista del bosco" dedicato alla memoria del pittore Silvano Braido, e al suo dipinto omonimo, che fu autore anche della copertina di "Stazione Getzemani"), una sequenza mozzafiato, dall'accogliente delicatezza introduttiva de "La stanza vuota" sino ai titoli di coda con l'ipnotica serenità di "Nell'etere". In mezzo con avvincente rollecoaster emozionale di canzoni, atmosfere e straordinario interplay, Odessa, una band ritrovata....in splendida forma!!

TRACKS:

1) La Stanza Vuota (1:47)

2) Invocazione (7:54)

3) Di Buio e Luce Parte II° (6:35)

4) L'Alba della Civiltà (6:33)

5) L'organista del Bosco (5:51)

6) L'Anno, il Posto, L'Ora 1972 (7:02)

7) Rasoi /6:43)

8) Nell'etere (3:25)

LINE-UP

Lorenzo Giovagnoli - Voce, Tastiere

Giulio Vampa - Chitarra, Voce

Valerio De Angelis - Basso, Voce

Marco Fabbri -  Batteria, Voce

Gianluca Milanese - Flauto

Fonte: Buy: http://store.maracash.com/



                                                       Brano - L'alba della civiltà


Discografia:


                                                            Stazione Getzemani 1999


                                                                 The Final Day 2009

domenica 24 aprile 2022

Artisti Vari - Le Compilation di Genesismarillion - Vol. 22

 



Compilation n. 22 dedicata al progressive italiano degli anni '70. In questo numero il Soft Prog di: Apostholi, Stradaperta e Airline, Il Jazz Prog dei Groupe X , l'approccio delicato alla musica colta dei cantautori: Giangilberto Monti, Cico, Francesco Messina e Claudio Pascoli, La Premiata Forneria Marconi col brano omonimo del secondo e ultimo album con Bernando Lanzetti alla voce, Il Balletto di Bronzo di Gianni Leone funambolo ed eclettico tastierista, la stupenda Sad And Deep As You dei Traffic riproposta dalla  Richard Last Group ed infine il tocco elegante di Massimo Giuntoli e Roberto Meroni con il loro Canterbury sound.

Tracks:

                                              01) Gli Apostholi - Pomeriggio ad Acquasparta

                                                                  02) Airline - Oceano

                                            03) Richard Last Group - Sad And Deep As You

                                                        04) Stradaperta - Strada Principale

                                                  05) Premiata Forneria Marconi - Jet Lag

                                                       06) Giangilberto Monti - Balthazar

                                                       07) Il Balletto di Bronzo - Epilogo

                                                         08) Cico - Il Prete e il Semplice

                                                   09) Francesco Messina - Marcia di Kioto

                                                           10) Claudio Pascoli - Sauza

                            11) Massimo Giuntoli & Roberto Meroni - I Racconti di Canterbury

                                                         12) Le Groupe X - Fantacopula




Link: https://turb.cc/6at3g11q5ki8.html

venerdì 22 aprile 2022

The Best Progressive Rock albums 2021

                        The Best Progressive Rock Albums 2021

Introduzione

Sul finire degli anni '80, dopo il revival offerto dai Marillion, IQ, Pallas, Pendragon, Twelfth Night etc etc....  il destino del rock progressivo sembrava segnato e molti di noi appassionati lo avevamo già dato per morto. Esisteva però un movimento sotterraneo che continuava a coltivare la passione per una certa musica colta, ed uno alla volta, spuntavano come dal nulla gruppi come a ridare voce e passione al genere che negli anni '70 aveva conquistato il cuore e le menti di inguaribili romantici: Echolin, Spock's Beard, Night Whatch, Flower Kings, Transatlantic, La Maschera di Cera, etc.....  Mai avrei pensato che dopo 50 anni, mi sarei trovato di fronte una così vasta rosa di gruppi di Progressive da ascoltare e selezionare per stilare  una mia personale classifica.

Il Nuovo Decennio del Progressive Rock. Capolavori, Band Fondamentali e Promesse Future

L'apertura del nuovo decennio ha segnato un'importantissima fase per il panorama del progressivo rock, con la produzione di autentici capolavori che hanno saputo eccellere sia in in termini di qualità che di innovazione. Il 2021, in particolare, è stato testimone di notevoli uscite discografiche, consolidando la presenza di band e artisti veterani e introducendo nel contempo nuove promesse che hanno saputo catturare l'attenzione degli appassionati e della critica. Questo articolo si propone di esplorare le dinamiche che hanno caratterizzato il progressive rock nel 2021, analizzando i migliori album, le band fondamentali di quest'anno e le speranze per il futuro del genere.

Apertura del Decennio con Capolavori Progressivi

Il 2021 ha rappresentato un anno di notevole importanza per il progressive rock, segnando l'ingresso del nuovo decennio con opere che hanno saputo rinnovare ed arricchire il genere. Tra queste, alcuni album si sono distinti per la loro capacità di combinare complessità musicale, sperimentazione sonora e profondità lirica, offrendo agli ascoltatori esperienze d'ascolto ricche e sfaccettate. Questi lavori non solo hanno consolidato la reputazione di band ed artisti già affermati, ma hanno anche posto le basi per le nuove direzioni che il progressive rock potrebbe esplorare nei prossimi anni.

Analisi delle Band Fondamentali del 2021

Il 2021 ha visto emergere e riconfermasi diverse band che hanno avuto un ruolo determinante nel modellare il panorama del progressive rock. Alcune di queste, con una lunga storia alle spalle, hanno dimostrato una notevole capacità di rinnovarsi, mantenendo il genere vivo e vibrante. Altre,  al loro debutto discografico, hanno sorpreso pubblico e critica con proposte audaci e innovative, guadagnandosi rapidamente un posto di rilievo nella scena. Queste band, con il loro talento e la loro passione, hanno contribuito non solo a definire il suono del progressive rock nel 2021, ma anche a delineare i potenziali percorsi futuri del genere.
Tutti gli album postati qui sotto son di assoluto rilievo, in questo mio articolo voglio comunque analizzarne qualcuno per evidenziare i suoi punti di forza, le influenze e il potenziale impatto sul genere e sui fan:

Big Big Train - "Common Ground"

Con "Gommon Ground", i Big Big Train hanno dimostrato ancora una una volta il loro talento nel creare paesaggi sonori complessi e narrativi. L'album si distingue per le sue melodie accattivanti e gli arrangiamenti dettagliati che si ispirano tanto a rock classico quanto alla musica britannica. I punti di forza dell'album risiedono nella capacità della band di tessere storie attraverso la musica, rendendo ogni brani un viaggio emozionante. Con quest'album i Big Big Train,tra l'altro, hanno avuto il merito di riportare il progressive rock in alto nella prestigiosa classica inglese , piazzando Gommon  Ground al 40° posto.

Dream Theater - "A View from the Top of the World"

I Dream Theater continuano a spingere i confini del progressive metal con il loro ultimo lavoro. "A View from the Top of the World" si caratterizza per la straordinaria tecnica strumentale dei suoi membri e per le composizioni complesse che sfidano le convenzioni. L'album è una testimonianza dell'abilità della band di integrare influenze classiche e moderne, creando un suono distintivo che soddisfa sia i fan di lunga data sia i nuovi ascoltatori.

Frost - "Day and Age"

I Frost hanno portato un'ondata di freschezza nel progressive rock con "Day and Age". L'album si contraddistingue per il suo approccio sperimentale, unendo melodie avvincenti a strutture ritmiche intricate. La capacità della band di fondere elementi elettronici con il rock progressivo tradizionale ha creato un suono unico che cattura l'attenzione dall'inizio alla fine.

Transatlantic - "The Absolute Universe"

"The Absolute Universe" dei Transatlantic è un'opera epica che esplora temi universali attraverso il medium del progressive rock. L'album si presenta come un mosaico di influenze musicali, dalla musica classica al folk, enfatizzando la maestria compositiva della band. La capacità dei Transatlantic di creare un'esperienza d'ascolto coesa e coinvolgente, per mantenendo una varietà stilistica, e veramente ammirevole.

Steven Wilson - "The Future Bites"

Steven Wilson, noto per la sua capacità di trasformare il progressive rock in qualcosa di profondamente personale e contemporaneo, continua sulla sua strada con "The Future Bites". L'album si immerge nelle sfumature dell'esistenza digitale moderna, mescolando sound ambient e rock con testi introspettivi. La maestria di Wilson nell'intrecciare melodie accattivanti con tematiche profonde fa dell'album un'opera memorabile.

Neal Morse Band - "Innocence & Danger"

La Neal Morse Band Ha rilasciato "Innocence & Danger", un doppio album che esplora una vasta gamma di emozioni e stati d'animo attraverso la lente del progressive rock. L'abilità nel combinare passaggi epici con momenti di sincera emotività dimostra l'esperienza e la versatilità della band. L'album affronta temi profondi con composizioni che sfidano le aspettative, mantenendo il pubblico impegnato in un viaggio musicale senza precedenti.  

Leprous - "Aphelion"

I Leprous hanno rivoluzionato e innovato il progressive rock con "Aphelion", un album che evidenzia la loro abilità nel creare musica emotivamente incisiva. La band riesce a trovare un equilibrio perfetto tra complessità musicale e accessibilità, una caratteristica che rende l'album intrigante sia per i neofiti che per i veterani del genere.

I Migliori Album di band all'esordio discografico.

Antiche Pescherie nel Borgo - "Si No Sabir...Tazir!"  Un'album che riporta l'ascoltare indietro di 50 anni a riassaporare il prog classico dei '70 senza però dimenticare di condire il tutto con elementi moderni, la voce potente di Alvaro Fella fa da contraltare alle intricate trame musicali degli strumentisti.

Giant Sky - "Giant Sky" . Splendida combinazione tra progressive elettronico e progressive rock tradizionale 

Perfect Storm - "No Air"  Eccellente Neo Prog con un ampio spettro di influenze classiche e moderne 

Illuminae - "Dark Horizons" Un album intriso di sinfonia che incorpora una miriade di stili deliziando l'ascoltatore dall'inizio alla fine                                                            

Morpheus Project - "Mozaick" Album vicino al Peter Gabriel moderno, con spunti progressive dal sapore orientale

Promesse nel Panorama Progressive Rock

Nel 2021, diverse nuove band hanno fatto il loro ingresso sul palcoscenico del progressive rock, mostrando un potenziale notevole sia dal punto di vista tecnico che compositivo. Queste "promesse" del progressive rock rappresentano il futuro  del genere, con la loro freschezza e la loro propensione alla sperimentazione. L'attenzione e il supporto della comunità degli appassionati saranno cruciali per consentire a queste band di crescere e di esprimere appieno il loro potenziale, continuando a nutrire il genere con nuova energia e nuove idee.

Speranze per il Futuro del Genere

Guardando al futuro, le speranze per il progressive rock sono molteplici e ben motivate. I capolavori e le band fondamentali del 2021 hanno già tracciato percorsi innovativi che potrebbero essere esplorati nei prossimi anni, promettendo ulteriore evoluzione e arricchimento del genere. Inoltre, la vitalità dimostrata dalle band al debutto discografico suggerisce che il progressive rock continuerà a godere di un flusso costante di nuove idee e nuovi talenti. L'ambizione e la creatività che caratterizzano questo genere musicale rappresentano una solida base sulla quale costruire un futuro ancora più brillante per il progressive rock.

DISCOGRAFIA CONSIGLIATA

                                01) Antiche Pescherie nel Borgo - Si No Sabir...Tazir! (Italia)


                             


                                          02) Shamblemaths - Shamblemaths 2 (Norvegia)


                                          


 03) Transatlantic - The Absolute Universe (Multinazioni)


                                    


                                                          04) Lifesign - Altitude (USA)


                                                     


                                                05) Kayak - Out Of This World (Olanda)


                                               


                                                06) Inner Prospekt - Canvas Two (Italia)


                                                  


                                                          07) Nine Skies - 5.20 (Francia)


                                                          


                                                        08) Viriditas - Green Mars (UK) 


                                                        


                                          09) Caligonaut - Magnified As Giants (Norvegia)


                                          


                                         10) Rachel Flowers - Bigger On The Inside (USA)



                                         

                                      11) Drifting Sun - Forsaken Innocence (Multinazioni)


                                      


                                         12) Antony Kalugin - Stellar Gardener (Ucraina)


                                           

                                                        13) Ciccada - Harvest (Grecia)


                                                        

                                                                                                                           
14) Glacier - Island In The Sky (UK)


                                                     


                                     15) Geoffrey  Downes - DBA IV Halcyon Hymns (UK)


                                      


                                   16) Glass Hammer - Skallagrim Into The Breach (USA)


                                     


                          17) Il Porto Di Venere - E Pensa Che Mi Meraviglio Ancora (Italia)


                           


                                   18) Alco Frisbass - Le Mystère Du Guè Pucelle (Francia)


                                     


                                                    19) Sylvan - One To Zero (Germania)


                                                  


                                    20) Stefano Lupo Galifi - Dei Ricordi Un Museo (Italia)


                                    


                       21) The Ancestry Program - Mysticeti Ambassadors Part. 1 (Germania)


                       


                                     22) Needlepoint - Walking Up That Valley (Norvegia)


                                        


                                                          23) Frost - Day And Age (UK)


                                                        


                                        24) The Emerald Dawn - To Touch The Sky (USA) 


                                          


                                                            25) Ske - Insolubilia (Italia)

                                                          


                                       26) Gens De La Lune - Pentacle De Lune (Francia)


                                         

                                                         27) Cast - Vigesimus (Messico)


                                                       


                                                      28) Jordsjo - Pastoralia (Norvegia)


                                                      

29) John Holden - Circles In Time (UK)


                                                  


                                    30) Antony Kalugin- Chameleon Shapeshifter (Ucraina)


                                     


31) Mostly Autumn - Graveyard Star (UK)


                                                 


                                           32) Clive Nolan - Song Of The Wildlands (UK)


                                           

33) Dave Bainbridge - To The Far Away (UK)


                                            


                                               34) Arlekin - The Secret Garden (Ucraina)


                                               


                                              35) Galaad - Paradis Posthumes (Svizzera)


                                              


                                   36) Red Sand - The Sound Of The Seventh Bell (Canada)


                                  


 37) Nodo Gordiano - H.E.X.  (Italia)


                                                     


                    38) Electro Compulsive Therapy - Electro Compulsive Therapy (Messico)


                   

                                             39) Giant Sky - Giant Sky (Norvegia)



                   40) Jean Pierre Louveton - Sapiens Chapitre 2/3 Deus Ex Machina (Francia)



                                           41) Steve Hackett - Surrender Of Silence (UK)



                                         42) Neal Morse Band - Innocenge&Danger (US)



                                                   43) Leap Day - Treehouse (Olanda)



                                         44) Kimmo Porsti - Past And Present (Finlandia)



                                              45) Big Big Train - Common Ground (UK)



                                                         46) Lifesigns - Altitude (UK)



                                              47) Monarch Trail - Whiter Down (Canada)



                              48) Dream Theater - A View From The Top Of The World (US)



                                                   49) Styx - Crash Of The Crown (US)



                                                     50) Illuminae - Dark Horizons (UK)



                                           51) Morpheus Project - Mozaick (Multinazioni)



                                                    52) Agusa - En Annan Varld (Svezia)



                                                     53) Perfect Storm - No Air (Olanda)



                                         54) Robert Reed - The Ringmaster / Part One (UK)



                                              55) Manna/Mirage - Man Out Of Time (US)



                               56) Single Celled Organism - Percipio Ergo Sum (Germania)



                                                     57) Leprous - Aphelion (Norvegia)



                                               58) Steven Wilson - The Future Bites (UK)

                                                                          Full Album