Visualizzazione post con etichetta Francia. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Francia. Mostra tutti i post

martedì 25 giugno 2024

Various Artists - Il Rock Progressivo Francese, anni '70. Vol. 4

                                                                  Various Artists

                                              Rock Progressivo Francese

                                                                          Vol. 4 

Continuiamo con l'epopea del rock progressivo francese che offre un panorama straordinario di talento, innovazione e profondità emotiva. Con una rivoluzione musicale che prende piede nei primi anni '70, la Francia si è affermata come un epicentro di questo genere, sfornando band e brani che hanno lasciato un'impronta indelebile nella storia della musica.

Tracks lists:

1) Ange - Ces Gens Là  (06:45)
2) Arachnoid - Toutes Ces Images  (08:04)
3) Skryvania - Final  (06:01)
4) Pulsar - Fool's Failure  (10:20)
5) Orion - Le Chevalier  (05:20)
6) Metabolisme - La Danse Des Automates  (05:46)
7) Mona Lisa - Maneges Et Chevauz De Bois  (07:05)
8) Acintya - Espois  (15:41)

                                                                                Ange

Il gruppo degli Ange, cn il loro brano "Ces Gens Là", apre un portale verso un universo distopico, ricco di allegorie e critiche sociali. La loro musica, sapientemente arrangiata e ricca di teatralità, insieme a testi profondi, colloca questo pezzo come un manifesto del progressive rock francese. La capacità degli Ange di fondere melodie evocative con narrazioni potenti rende "Ces Gens Là" un'opera che trascende il tempo, invitando alla riflessione sulle condizioni umane.

                                                                        Arachnoid

"Toutes Ces Images" degli Arachnoid è un viaggio psichedelico attraverso paesaggi sonori complessi e intrecciati. La band scandaglia le profondità dell'anima umana, portando alla luce immagini di ricordi sepolti. Il brano si caratterizza per la sua ricca tessitura strumentale e la capacità di comunicare intense emozioni senza bisogno di parole, dimostrando la versatilità e la profondità del progressive rock francese.

                                                                          Skryvania


Gli Skryvania, con il brano "Final" ci ragalano un'epopea sonora che è a un tempo dirompente e ipnotica. "Final" emerge come un'opera di sfida e rinnovamento, dove gli arrangiamenti complessi si incontrano con momenti di pura bellezza melodica. Gli Skryvania dimostrano una padronanza unica del contrasto dinamico, rendendo "Final" un punto di riferimento nella propria discografia e nel panorama del rock pregressivo in generale.

                                                                             Pulsar


L'introduzione dei Pulsar al brano "Fools Failure" rivela un'orchestrazione attentamente curata e un'impresa strumentale di vasta portata. La struttura compositiva del brano sfida le convenzioni, proponendo una narrazione attraverso la musica che è tanto avvincente quanto innovativa. I Pulsar hanno avuto l'abilità di tessere complessità e accessibilità in un unico tessuto, rendendo "Fools Failure" un brano emblematico del loro genio creativo.

                                                                               Orion


"Le Chevalier" degli  Orion (brano postumo) ci porta in un'avventura epica attraverso temi di coraggio, avventura e introspezione: La composizione è energica e ricca di pathos, con un narrazione che avvolge l'ascoltatore in un mondo di sfide eroiche e conquiste personali. Gli Orion conferiscono a "Le Chevalier" una dimensione quasi cinematica, arricchendo il panorama musicale francese con un pezzo di rara bellezza e intensità.

                                                                        Metabolisme


I Metabolisme, attraverso il loro brano " La Dance DEs Automates", esplorano la relazione tra uomo e macchina in un'era di crescente tecnologia. La traccia si distingue per la sua elaborata struttura ritmica e i suoi temi futuristici, combinando innovazione tecnica con una profonda riflessione sull'umanità. Il brano è un capolavoro di ingegneria sonora che stimola sia l'intelletto che le sensazioni, consolidando la posizione dei Metabolisme nel panorama del rock progressivo.

                                                                         Mona Lisa


"Maneges Et Chevaux De Bois" dei Mona Lisa emerge come una narrazione pittoresca della gioia e della nostalgia. La band riesce a evocare emozioni complesse attraverso un'arrangiamento ricco e suggestivo, trasportando l'ascoltatore in un carosello di ricordi e speranze. Questo brano dimostra il potere evocativo della musica dei Mona Lisa, che sanno toccare il cuore e l'anima con la loro poesia musicale.

                                                                             Acintya


Chiude il Vol. n. 4 "Espois" degli Acintya con un inno alla speranza e alla determinazione umana. Con una maestria strumentale che spazia dal delicato al grandioso, la band incanala aspirazioni e desideri universali in una composizione che risuona profondamente con chiunque ascolti. La capacità degli Acintya di creare paesaggi sonori che riflettono la profondità della condizione umana fa di "Espois" una gemma nella corona del Rock Progressivo Francese.

lunedì 24 giugno 2024

Various Artists - Il Rock Progressivo Francese, Anni '70. Vol. 3

                                              Various Artists

                                                 Rock Progressivo Francese

                                                                    Anni 70. Vol. 3



Tracks Lists:


1) Wlud - Fire  06:20
2) Jean Pierre Alarcen - Soir  05:16
3) Wurtemberg - Rock Opus 7  (05:39)
4) Oniris - Le Reve Et Le Quotidien  10:25
5) Atoll - Tunnel Part. 1  (05:46)
6) Grime - Message Aux Ancetres  04:30
7) Shylock - Le Quatrième  13:08
8) Sandrose - To Take Him Away  07:04

                                                                               Wlud

"Fire", dei Wlud, emerge come un brano straordinario, caratterizzato da un'intensa dinamica sonora e da un'accattivante melodia. Il pezzo sfoggia una maestria nella composizione, bilanciando sapientemente parti energiche con momenti più riflessivi, creando un'esperienza d'ascolto emotovamente coinvolgente.

                                                                  Jean Pierre Alarcen

La traccia "Soir" di Jean Pierre Alarcen si distingue per il suo carattere contemplativo e la sua elegante tessitura strumentale. La chitarra, protagonista del brano, ci guida in un viaggio attraverso melodie sognanti e armonie delicate, evidenziando l'abilità compositiva di Alarcen.

                                                                         Wurtemberg

"Rock Opus 7" dei Wurtemberg è una composizione ambiziosa che esplora una vasta gamma di stili e atmosfere. Il Brano si sviluppa attraverso diversi movimenti, ciascuno dei quali offre un colore unico al mosaico sonoro complessivo. La loro abilità nell'intrecciare assoli intricati con sezioni ritmiche potenti dimostra una profonda comprensione della forma del rock progressivo.


                                                                              Oniris

Gli Oniris, con "Le Reve et le quotidien", presentano un lavoro che naviga tra il sogno e la realtà. Questa traccia affascina per le sue atmosfere eteree e per la capacità di evocare immagini vivide nella mente dell'ascoltatore, offrendo una fuga dalla quotidianità attraverso il suo tessuto sonoro accattivante.


                                                                                Atoll

"Tunnel Part 1" degli Atoll rappresenta un viaggio epico attraverso passaggi sonori labirintici e paesaggi musicali in continua evoluzione. La traccia è un'esemplificazione dell'uso creativo di timbri e ritmi che caratterizza il miglior Rock Progressivo, con una narrazione musicale che cattura l'attenzione dall'inizio alla fine.

                                                                               Grime

I Grime, con "Message aux ancetres", esplorano temi di connessione intergenerazionale e memoria collettiva attraverso la loro musica. Il brano si distingue non solo per la sua profondità lirica, ma anche per una composizione strumentale che intreccia sottilmente elementi tradizionali ed innovativi, creando un ponte tra passato e presente.

                                                                              Shylock


"La Quadrième" degli Shylock dimostra una straordinaria complessità musicale, con intricati giochi di tempo e una struttura composta che sfida le convenzioni. Questa traccia, ricca di tensione dinamica e rilascio, attesta la maestria tecnica e compositiva del gruppo, posizionandosi come un pezzo centrale del repertorio del Rock Progressivo Francese.


                                                                            Sandrose

"To Take Him Away" dei Sandrose completa questo terzo volume con una nota emotivamente potente. La voce eterea si fonde con un accompagnamento strumentale ricco e multicolore, creando un'opera d'arte che parla direttamente all'anima. Il brano, con il suo mix di dolcezza e forza, lascia un'impressione duratura, chiudendo magnificamente questo viaggio attraverso il rock progressivo francese.

martedì 18 giugno 2024

Various Artists - Il Rock Progressivo Francese, anni '70 - Vol. 2

                                                              Various Artists 

                                Il Rock Progressivo Francese

                                                                          Anni '70 - Vol. 2



Tracks Lists

1) Mona Lisa - Lena 05:22
2) Dun - L'Epice 09:30
3) Alpha Centaury - La Montre 06:03
4) Eden Rose - On The Way To Eden 05:09
5) Atoll - Le Voleur Dextase 07:33
6) Carpe Diem - Le Miracle De La Saint Gaston 03:39
7) Ange - Un Trou Dans La Case 05:29
8) Travelling - Voici La Nuit Tombee 19:35

                                                                       Mona Lisa


Il Brano "Lena" dei Mona Lisa si distingue per la sua struttura musicale complessa e le liriche profonde, impreziosite da una atmosfera generale che trasporta l'ascoltatore in una narrazione intensa e emotivamente coinvolgente. La capacità di mescolare elementi classici al progressive rock con un tocco distintamente francese ne fa un pezzo unico nel suo genere.

                                                                              Dun


"L'Epice" dei Dun è un'esplorazione della complessità strumentale, dove l'innovazione si fonde con un impatto emotivo di grande intensità. La tecnica impeccabile dei musicisti crea un tessuto sonoro ricco e sofisticato, che cattura l'ascoltatore in un viaggio musicale senza eguali.

                                                                     Alpha Centauri


Con "La Montre", gli Alpha Centauri offrono uno sguardo unico nel mondo del progressive rock, grazie a elementi distintivi nella strumentazione e un tema lirico che indaga profonde riflessioni esistenziali. La fusione  di sonorità, per il periodo, avanguardistiche e tematiche profonde rende questo brano un vero gioiello.

                                                                          Eden Rose


"On The Way To Eden" degli Eden Rose si presenta come un viaggio musicale intriso di influenze diverse, dal jazz al rock psichedelico. Lo stile unico e gli arrangiamenti innovativi ne fanno un pezzo emblematico di come il progressive rock cominciava a fondersi con altri generi musicali creando qualcosa di totalmente originale.

                                                                             Atoll



"La Voler Dextase" degli Atoll esemplifica la maestria tecnica e compositiva della band, dimostrando come la musica possa essere al tempo stesso complessa ed accessibile. La Performance dal vivo di questo brano aggiunge una dimensione ulteriore, esaltandone la potenza emotiva e la perfezione tecnica.

Carpe Diem


Il brano "Le Miracle De La Saint Caston" dei Carpe Diem si distingue per la sua melodia avvincente, una progressione armonica che emoziona dall'inizio alla fine e una narrativa ricca di immagini poetiche. E' una dimostrazione eccellente di come la musica possa raccontare storie profonde, avvicinando l'ascoltatore a temi universali.

Ange


"Un Trow Dans Là Case" degli Ange emerge per la sua originalità e la forte interpretazione vocale, oltre all'impatto culturale che ha avuto nel panorama del Progressive Rock Francese. Il brano attraversa varie atmosfere, ogni volta sorprendendo e coinvolgendo emotivamente l'ascoltatore.

Travelling (Full album)


"Voici La Nuit Tombee" dei Travelling cattura perfettamente l'essenza dell'atmosfera notturna attraverso una coesione del gruppo che brilla per la sua capacità di innovare mantenendo un sound coeso e distintivo. Il risultato è un'opera che invita all'introspezione e rende omaggio alla bellezza della notte e alle sue sfumature.

sabato 15 giugno 2024

Varoius Artists - Il Rock Progressivo Francese anni '70 - Vol. 1

                                               Il Progressive Rock Francese

                                                     Introduzione al genere

Teatralità e spettacolo

Il progressive Rock Francese si distingue per il suo approccio unico alla musica, combinando teatralità e spettacolo in modo innovativo. Questo genere musicale nato negli anni '70, ha evoluto i canoni del rock tradizionale incorporando elementi di musica classica, jazz e avanguardia. La teatralità e lo spettacolo diventano, dunque, componenti fondamentali, trasformando i concerti in vere e proprie esperienze immersive per l'ascoltatore.

Importanza della Teatralità e dello Spettacolo

La teatralità nel Progressive Rock Francese non si limita a un mero accompagnamento visivo, ma è un elemento chiave che arricchisce l'esperienza musicale, le band di questo genere si esibiscono con costumi elaborati, scenografie dettagliate e narrazioni tematiche, creando un ponte diretto con il teatro e l'opera. Questa fusione di musica e arte visiva contribuisce a definire l'identità unica del Progressive Rock Francese, rendendolo unico nel panorama musicale mondiale.

Band principali e lavori imprescidibili

Alcune delle band più influenti del Progressive Rock Francese includono i Magma, gli Ange e i Gong. I Magma in particolare, si distinguono per ever anche inventato il linguaggio dei loro fantasiosi testi , il Kobaian, e per i suoi lavori concettuali come "Mekanik Destruktiw Kommandoh", un'opera che esplora temi di distopia e cosmologia, accompagnata da una musica intensa e complessa. Gli Ange con i testi in francese e le performance cariche di emotività, si focalizzano su temi medievali e fantastici. I Gong, invece, esplorano sonorità più psichedeliche e spaziali, con album iconici come "Flying Teapot" (la teiera volante), introducendo l'ascoltatore in un universo fantastico, caratterizzato da jazz-rock e influenze di musica orientale.

Rilevanza delle Band Secondarie

Accanto a queste band iconiche, numerose band secondarie, nonostante un riconoscimento meno diffuso, hanno contribuito significativamente alla diversità e alla profondità del Progressive Rock Francese. Gruppi come Atoll  e Pulsar  hanno prodotto album di notevole interesse, sebbene meno noti al grande pubblico, con opere che spaziano da narrazioni fantascientifiche a reinterpretazioni di classici letterari. Vedi Atoll con l'album "L'Araignèè Mal", un viaggio sonoro attraverso le mitologia e le emozioni umane. E Pulsar con "Halloween", un album concettuale che esplora temi di isolamento e alienazione con una ricca orchestrazione.

In conclusione, il progressive rock francese ci offre un vasto scenario di eccezionalità musicale, ed in questa compilation di nove volumi ne riveleremo l'innovazione e la profondità esaminando i brani più iconici.



Tracks lists:

1) Mona Lisa - Le Petit Violon de Mr Gregoire 05:39

2) Ergo Sum - Mexico 03:30

3) Tai Phong - Goin'Away 05:44

4) Ange - Exode 04:59

5) Asia Minor - Northern Lights 07:49

6) Pentacle - La Clef Des Songes 04:08

7) Carpe Diem - Reincarnation 12:50

8) Wapassou - Salammbò Part. 1 18:04

                                                                 Mona Lisa

In "le Petit violon de Mr Gregoire" dei Mona Lisa emerge un'espressione ricca di emotività e maestria tecnica, rappresentativa del genere stesso. L'analisi di tale traccia svela una melodia intricata, che coniuga perfettamente l'eleganza della musica classica alla libertà compositiva del prog rock.

                                                                Ergo Sum

La traccia "Mexico" degli Ergo Sum prosegue in questa linea, avvolgendo l'ascoltatore in un viaggio sonoro vivace e colorato che rievoca le atmosfere e i paesaggi del Messico attraverso momenti musicali ben costruiti.

                                                                 Tai Phong 


Analogamente, "Goin'Away" dei Tai Pong si distingue per le sue armonie suggestive e flussi melodici che parlano un linguaggio universale di evasione e ricerca.

                                                                     Ange


"Exode" degli Ange si presenta come un'opera profondamente evocativa, dove le liriche potenti si uniscono ad arrangiamenti complessi, creando un'esperienza d'ascolto intensa e multistrato.

                                                                 Asia Minor


Allo stesso modo, "Northern Lights" degli Asia Minor, evoca immagini vivide attraverso sonorità che riescono sorprendentemente a catturare la magia e il mistero delle aurore boreali.

                                                                  Pentancle


Entrando nel cuore della scena prog rock, "La Clef Des Songes" dei Pentancle si riconosce per le sue complesse strutture musicali che narrano un viaggio immaginifico.

                                                               Carpe Diem


Mentre "Reincarnation" dei Carpe Diem  affronta temi esistenziali attraverso composizioni ricche e stratificate.

                                                                Wapassou

Infine, "Salammbò Part. 1" dei Wapassou completa questa panoramica con un pezzo strumentale intenso, che accarezza l'immaginazione e chiude magistralmente il cerchio di questo primo volume, in cui ogni brano offre uno spaccato diverso dell'abilità e della  creatività che definiscono il progressive rock francese, invitando gli ascoltatori in un viaggio senza tempo attraverso paesaggi sonori senza pari. La capacità di questi artisti di fondere influenze diverse, creando opere che rimangono contemporanee ed eterne, testimonia l'importanza di questo movimento musicale.

domenica 1 ottobre 2023

Artisti Vari - 70 Minuti di Rock Progressivo Francese (anni '70)

Edito dalla Musea Records,questo CD rappresenta un buon inizio per tutti coloro volessero approfondire il prog transalpino rigorosamente anni '70:
In questa compilation mancano due gruppi fondamentali del Prog Francese, Ange e Atoll. Aggiugerò io un paio di brani come se si trattasse di bonus tracks.
Naturalmente altri gruppi francesi hanno pubblicato degli ottimi lavori nei '70. In questo post, però, io mi atterrò a quanto proposto dalla prestigiosa MUSEA aggiungendo, perchè doveroso, soltanto i brani, come dicevo, di  Ange e Atoll.

BUON ASCOLTO


Track list:

01 - CRISTIAN DECAMPS - On Dirait un Ange ( Album - Nu )
02 - HALLOWEEN - Arthur Contre Morgane ( Album - Merlin )
03 - MONA LISA - La Peste ( Album - Avant Qu'il Ne Soit Trop Tard )
04 - CAFEINE - La cour des miracles ( Album - La Citadelle )
05 - GRIME - Message aux Ancetres ( Album - Grime )
06 - PENTACLE - La Cle Des Songes ( Album - La Cle Des Songes )
07 - QUIDAM - Par les fils de Mandrin ( Album - A propos d'Ange )
08 - GALAAD - Le mendiant ( Album - Premier Fevrier ) Svizzeri
09 - SKRYVANIA - Tristan & Iseult ( Album - Skryvania )
10 - ORION - Le Monde Invivable ( Album - La nature vit, l'homme lui critique )
11 - NAOS - La nef Elfique ( Album - Naif le Reveur )
12 - VERSAILLES - Degerenescence Obsessionnelle ( Album - Le Tresor de Valliesres )
13 - ECLAT - Vitriol ( Album - Eclat II )

                                              CRISTIAN DECAMPS - On Dirait un Ange

                                                 HALLOWEEN - Arthur Contre Morgane


                                                              MONA LISA - La Peste 


                                                        CAFEINE - La cour des miracles


                                                      GRIME - Message aux Ancetres


                                                     PENTACLE - La Cle Des Songes


                                                    QUIDAM - Par les fils de Mandrin


                                                              GALAAD - Le mendiant


                                                         SKRYVANIA - Tristan & Iseult


                                                         ORION - Le Monde Invivable


                                                                 NAOS - La nef Elfique


                                                     VERSAILLES - Degenerescence Obsessionnelle


                                                                     ECLAT - Vitriol


                                      ANGEAu-delà du délire (bonus track) Album: Au delà du delirè


                                            ATOLL Le photographe exorciste (bonus track) Album: L'Araignèe Mal

domenica 16 settembre 2012

Jean Claude Vincent - Lettre Au Passè 1977 Progressive Rock (Francia)




Track list:
01 - Je Serai Un Clochard
02 - Si
03 - l'Alcool
4 - j'Etais
05 - Princesse De La Lune
06 - Les Gens Du P'tit Matin
07 - L'Abeille
08 - J'irai Comme Un Cheval Fou
09 - Avec Un Souvenir

Jean Claude Vincent è in realtà lo pseudomino di Jean Claude Pognant, socio e fondatore dell'etichetta Crypto. Con l'aiuto di alcuni musicisti della stessa etichetta ha prodotto questo "Lettre Au Passè" unico leggendario album che contiene nove tracce del sofisticato stile teatrale degli Ange e con la (e questa e la vera sorpresa) splendida voce del produttore Pognant.
I testi sono stati scritti da Christian Decamps.

Line - up:
Jean Pierre Garbin (ANGE)
Valery Btesh (TANGERINE)
Claude Alain Marius (CARPE DIEM)
David Berge ( CARPE DIEM)
Christian Decamps (ANGE)

Album da riscoprire assolutamente.

domenica 8 luglio 2012

Thalassa - Suffer And Misery 1982 (Symphonic Prog) Francia

Suffer and Misery è un eccellente esempio di prog sinfonico. Il gruppo, mette insieme con sapienza, i suoni già collaudati, di , Genesis, Camel e Yes, il risultato è soddisfacente, tastiere e chitarre si inseguono con maestria , mentre basso e batteria (alla Yes) li sostengono per tutta la durata del disco.
Peccato che il disco non sia stato ben sponsorizzato ed è molto difficile da trovare. Chissà, se dopo la pubblicazione di questo post, non cominci a girare qualche vinile su E-Bay.
Tracks list:
01) Suffer And Misery
02) Give Me An Answer
03) All Is Night
04) Devil's Crime
05) The Mermaid Song
06) Far From Me
07) The Portrait
08) Let Me Go
09) Disillusion
Line-up
Philippe Darrière - Batteria,Percussioni
Nino Martinez - Chitarre, Voce
Thierry Nicolai - Basso,Voce
Michel Dasque - Tastiere,Voce

sabato 26 marzo 2011

La Rossa - A Fury Of Glass (1983) Eclectic Prog (Francia)


A Fury Of Glass dei La Rossa (Tolosa 1981) è un piccolo gioiello della rinascita progressiva degli anni '80, ripescato e ristampato in CD dalla Musea Records con l'aggiunta di quattro bonus tracks provenienti dal primo demo del gruppo. Il nome del gruppo,"La Rossa", faceva già pensare ai Van Der Graaf Generator, subito, durante il primo ascolto, ogni dubbio veniva fugato, il tastierista Wolfang Holler strizzava l'occhio ad Hammil in ogni nota,(evidente è anche l'influenza dei Gentle Giant) nel cantato teatrale di Benki sembrava riascoltare il giovane Hammil, il tutto splendidamente coadiuvato dalla chitarra lirica di Jean Pierre Baille e dall'onnipresente sezione ritmica costituita dall'ottimo Marc Neves(batteria) e dal bassista Dino De Rossi. La musica classica e romantica di Bartok si affaccia nel brano capolavoro "Wooden Monoloque" e nei passaggi pianistici di tutti i brani, invece, nelle tracce "Faces We Move","Glassleaves" e "Chimera Chill" aleggiano le atmosfere del generatore dell'album simbolo "Pawn Hearts". CONSIGLIATISSIMO.

Tracks list:
01 - Synopsis
02 - Cosy Chutte
03 - Water (bonus track)
04 - Glassleaves
05 - Faces We Move
06 - To The Life
07 - Wooden Monoloque
08 - This Is To End It All
09 - Chimera Chill
10 - Fade Away (bonus track)
11 - This Unbreakable (bonus track)
12 - Thoughts (bonus track)

sabato 5 giugno 2010

Cherche Lune - Dun Emrys 1994 (Prog Folk) Francia


"Dun Emrys" è un album davvero notevole,pieno di voci e strumenti con forti richiami alla musica medievale e celtica ispirata, nonostante la sua struttura sia pienamente rock-oriented.
Unico nel suo genere con tendenze neoclassiche e un sapore un po sperimentale, con un incredibile lavoro melodico, creato da entrambi i violini e dall'oboe. Forse non avete mai ascoltato nulla del genere. Lo raccomando vivamente, ne rimarrete affascinati.

Tracks listing:
1) Wolfang
2) Shili
3) Y S
4) Circe
5) Berceuse
6) Waerda
7) Dark Eyes
8) Lettre A....

Buy - http://www.projekt.com/projekt/product.asp?dept_id=20&sku=PRI00005

Hydra - Rock Experience (Hard Prog)1997 Francia

Questo "Rock Experience" è il primo album degli Hydra ed anche il più interessante. Mai titolo fu più indovinato,in quanto, negli undici brani del disco,gli Hydra,esplorano e uniscono con vera maestria svariati stili musicali , perfetto l'amalgama tra AOR e Rock progressivo, spettacolari le scappatelle jazz-soul. Consiglio vivamente questo disco agli amanti dei Dream Theater,Magellan e Queensryche.

Tracks listing:
01) Heaven Knows
02) Save Your Time
03) Indian Sigh
04) Tell - The Heart
05) Cross Section
06) Lost Illusion
07) Silently
08) Rock Experience
09) Remembrance Of A day Past
10) Sad November
11) Last Dreamin'


Buy - http://www.answers.com/topic/rock-experience

giovedì 19 novembre 2009

Magnesis - L'Immortel Opera 2006 New Prog ( Francia )


I Magnesis si formano a Digione ( Francia ) nel 1987 da un progetto di due compagni di scuola:
- Federico Przybyl (Autore)
- Eric Tillerot (autore, compositore, Performer)
Amanti dei Genesis, Yes e del progressive rock degli anni '70, hanno deciso di creare una rock band che proponesse una musica concept e teatrale alla “Genesis” periodo Gabriel ed alla “Ange” di Christian Decamps. Il risultato è stupefacente, specialmente dal vivo il gruppo, con un impianto scenico d’eccezione,riesce a meravigliare gli spettatori , con costumi spettacolari,maschere e trucco. Il sound, vicino ai Marillion, riprende a tratti misture tradizionali folk-rock e musica classica , i testi in francese e lo spettacolo,ricordano ,appunto, gli Ange di Decamps ed i Genesis di Gabriel.I magnesis hanno raccolto con cura il messaggio lanciato qualche anno prima dai gruppi inglesi, quali Marillion, IQ e Pendragon, ed oggi,magnificamente , lo trasmettono a noi
L’intera discografia , consigliata vivamente a tutti gli amanti del genere.
Tracks list:
01 - Acte Un - Ouverture
02 - Acte Deux - Le Pacte
03 - Acte Trois - Le Voyage De La Diva
04 - Acte Quatre - Les Fils De Mozart
05 - Acte Cinq - Final

Magnesis - Les Gens De 2001 New Prog ( Francia )

Tracks list:
01 - Le Syndrome De Ravaillac
02 - Anne Flore De Coudreges
03 - Le Règal De Satan
04 - La Bataille Du Marronnier
05 - Par la Main Du Tèmèraire
06 - Chanson Du Mènestrel
07 - La Fontaine Aux Trois Pierres Bleues
08 - La Cape Du Relevant
09 - La Chanson De Merlin
10 - Les Gens Des Villes,Les Gens Des Champs
11 - Lègende
Total:71:74
Line-up
Olivier Gauclin Tétu / guitar - Frédéric Munier / bass- Sylvain Camusat / drums- Jean-Pierre Matelot / keyboards, piano & programming - Eric Tillerot / vocals, chorus - Caroline Ridley / chorus

Magnesis - Etang Rouge 1998 New Prog ( Francia )

Tracks list:
01 - Etang Rouge Ouverture
02 - Le Festin Vermillon
03 - Les Nuits Rouges
04 - Prelude
05 - Le Regard Du Fou
06 - Requiem Pour Altair
07 - Ode A Ludivine
08 - Etang Rouge Final

Magnesis - Absinthèisme 1995 New Prog ( Francia )

Tracks list:
01 - L'anse Pleureuse
02 - Le Bal De Martroy
03 - 1767, L'an De Disgràce
04 - Le Destin Des Maudits
05 - La Fontaine Aux Enfants
06 - Le Gardien Des Etoiles
07 - La Dame Blanche
08 - Le Miracle Des Loups
09 - Comptine Du Revenant

mercoledì 18 novembre 2009

Magnesis - Le Miroir Aux Defaults 1994 New Prog ( Francia )

Tracks list:
01 - La Nuit Des Temps
02 - La Porte Du Diable
03 - Sally Zarrap
04 - Les Jardins De Murezanne
05 - L'heritage Des Mots
06 - La Salamandre
07 - Bouffon Le Miroir Aux Defaults
08 - Delirium Temporal

Link esterno -http://www.priceminister.com/s/magnesis

Magnesis - Les Voyages De Mikado 1993 New Prog ( Francia )


I Magnesis si formano a Digione ( Francia ) nel 1987 da un progetto di due compagni di scuola:
- Federico Przybyl (Autore)
- Eric Tillerot (autore, compositore, Performer)
Amanti dei Genesis, Yes e del progressive rock degli anni '70, hanno deciso di creare una rock band che proponesse una musica concept e teatrale alla “Genesis” periodo Gabriel ed alla “Ange” di Christian Decamps. Il risultato è stupefacente, specialmente dal vivo il gruppo, con un impianto scenico d’eccezione,riesce a meravigliare gli spettatori , con costumi spettacolari,maschere e trucco. Il sound, vicino ai Marillion, riprende a tratti misture tradizionali folk-rock e musica classica , i testi in francese e lo spettacolo,ricordano ,appunto, gli Ange di Decamps ed i Genesis di Gabriel.
I magnesis hanno raccolto con cura il messaggio lanciato qualche anno prima dai gruppi inglesi, quali Marillion, IQ e Pendragon, ed oggi,magnificamente , lo trasmettono a noi
L’intera discografia , consigliata vivamente a tutti gli amanti del genere.
Tracks List:
01 - Ouverture
02 - Philippe Et Marguerite
03 - L'elixir
04 - Duchesse Ensorcelee
05 - Les Voyages De Mikado
06 - La Vengeance De Champmol
07 - Fontaine De Jouvence
08 - Le Geant De Jouvence
09 - Les Enfants De La Nuit
10 - Assassine
Line up:
Eric Tillerot - Vocals
Alexandre Moreau - Keyboards
Denis Codfert - Drums
Fabien Lo Cicero - Bass
Jean Pierre Matelot - Keyboards
Olivier Gauclin Tètu - Guitars

venerdì 14 agosto 2009

Deboco - Deboco 1997 Francia Experimental Symphonic


Concept album sperimentale eseguito con grande maestria e perfezione musicale.
Tre musicisti francesi fra i più originali, ovvero Eric DElaunay (Tiemko), Jean-Pascal BOffo e Gilles COppin (Halloween) decidono di dar vita a questo progetto piuttosto originale, in cui ogni brano si origina su singoli temi di un musicista e ognuno vi compone poi sopra senza sapere cosa fa l'altro. L'idea originale è piuttosto interessante e sottintende doti acrobatiche non indifferenti, considerato che i tre artisti non si fanno certo pregare quanto a originalità e senso d'avventura. Il risultato, benché interessante, si presenta alquanto problematico all'ascolto -perché questo in fondo sarebbe il fine ultimo: l'ascolto- senza dover inventarsi nulla per spiegarlo. Si tratta di musica sperimentale sinfonica, in sostanza, con tocchi jazz-rock e, in generale, un saveur francese che pervade l'aria anche a fronte dei brani strumentali. Un disco molto ostico, dunque... nonché l'ultima testimonianza di Delaunay, morto subito dopo le registrazioni.Alberto Nucci.
Tracks list:
1 - D95
2 - Le Retour De Dark Fader
3 - Trapezistes
4 - Shakti
5 - Procession
6 - Zero Chrono
7 - Araignee
8 - Allo Wind
9 - Sole Clipping

domenica 14 settembre 2008

Vent D'Est - Vent D'Est 1980 Francia

Melange di jazz rock , prog sinfonico e musica tzigana per questo gruppo Francese . interessante album da non perdere. Trascurabile il secondo lavoro del '93 Migrations